+1200% di profitti in 3 anni. Questione di Fiducia.

Scritto da in AdWords | 7 commenti


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Prima di parlare dell’argomento di oggi, ti segnalo una novità.

All’interno di “AC Esempi – collezione privata di campagne di Marketing Estremamente efficaci“, sarà compreso nel prezzo un nuovo bonus, sia per chi è già cliente sia per chi lo diventerà entro la chiusura (lunedì 21 dicembre 2009 ore 19.00).

Si tratta di un report “dietro le quinte” del lancio di “ACV”, un lancio che ha generato più di 38.200 euro di vendite in 7 giorni. Tuttora uno dei casi più di successo sul mercato italiano nella categoria “lancio prodotti di informazione”.

Per averlo incluso nel prezzo rimangono solo pochi giorni: fino a lunedì 21 ore 19.00

Informati adesso su AC Esempi cliccando qui

Qualche giorno fa sono stato ospite al seminario di Stephen Covey, organizzato dall’amico Max Formisano.

Quest’uomo ha ereditato l’azienda del padre, una azienda già avviata nel campo della leadership e della motivazione per aziende, e già di grande successo negli Stati Uniti.

La cosa curiosa però è che questo particolare “figlio di papà” ;) non è rimasto a riposare sugli allori del padre! Invece ha esteso l’azienda rivoluzionandone le logiche, partendo dall’interno, e con un concetto… innovativo!

Infatti in soli 3 anni l’azienda ha quasi centuplicato il suo valore per gli azionisti, passando da 2,4 milioni a 160 milioni di dollari, e il profitto ha avuto un’impennata del 1.200 % cento!

Stephen Covey e Giulio Marsala al seminario

Piuttosto interessante e a quanto pare non solo per me, visto che non ero l’unico ad essere andato da Covey a capire come tutto questo è stato possibile. C’erano con me diversi imprenditori con dei bei business in Italia (e mi ha fatto piacere constatare che un buon numero erano anche miei “amici/clienti” ;) ).

Ma qual’è l’aspetto chiave e fondamentale del messaggio di Covey? Quale la sua “arma segreta”?

Semplicemente questo: LA FIDUCIA!

L’assunto è questo: la fiducia ACCELERA le relazioni di business, e costa MENO della sfiducia!

Attenzione: Covey non dice che la fiducia non ha costi e non ha rischi! Fidarsi comporta molti rischi, e li conosciamo tutti. Quello che non pensiamo mai però è… quali rischi e costi ECONOMICI che pesano realmente sul bilancio porti la SFIDUCIA.

Se ci pensi è anche logico: più fiducia = meno costi.

La dedica personale che mi ha fatto Covey:
"Giulio, continua ad ispirare fiducia!"

Ad esempio avere più fiducia significa abbattere i costi in studi legali e in procedure burocratiche, questo per dire il più eclatante.

E ovviamente il rovescio della medaglia è più fiducia uguale più velocità: considera un accordo fatto con un partner o un fornitore di cui ti fidi. In quanto tempo lo realizzi? Spesso solo con una stretta di mano. Io stesso ho realizzato uno dei miei più grandi business preoccupandomi della formalizzazione MESI DOPO che erano già partiti e funzionanti!

Attenzione però: Covey non parla della “fiducia ceca” quando parla di fiducia! Non metterti da adesso a non fare più contratti e formalità con nessuno ;)

Lui la chiama “Smart Trust”, o “fiducia intelligente”, e propone un sacco di regole interessanti per includere il “processo della fiducia” all’interno dell’azienda.

Trovi tutto nel suo libro, “la Sfida della Fiducia”, dove trovi diversi esempi utili di processi aziendali interessanti da applicare nel tuo caso specifico.

Covey, come noi di AcquisireClienti.com, ama i processi e le proceudre step by step ;)

Infatti in AC Esempi, collezione privata di campagne di marketing estremamente efficaci, ne troverai di molti tipi diversi, e sarà molto facile “farle tue” in quanto sono applicate in pratica su esempi reali.

Come si dice: “Un’immagine spiega meglio di mille parole”. E forse è vero che “un esempio spiega meglio di mille teorie”.

AC Esempi è disponibile solo fino al 21 dicembre 2009 ore 19.00, con un bonus aggiuntivo per tutti incluso nel prezzo e non pubblicizzato nella lettera di presentazione “Il dietro le quinte di ACV, il lancio di prodotto da 38.200 euro”.

Approfittane subito cliccando qui. E’ il caso di dire: “con fiducia” ;)


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Leggi Tutto

4 risorse che io utilizzo per fare business con internet

Scritto da in AdWords | 7 commenti


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Ciao, ecco una serie di risorse utili che io utilizzo per le mie campagne di marketing e acquisizione clienti.

Te le segnalo sperando possano esserti utili.

1. Per creare moduli di contatto online senza saper programmare.

Usa Wufoo: www.wufoo.com

Io uso la versione a pagamento, ma c’è anche la versione gratuita che puoi provare subito.
Ideale per campagne di acquisizione clienti e lead generation, conferisce un aspetto molto professionale ai moduli web.

2. Desideri migliorare rapidamente il tuo email marketing?

Come sai domani, martedì 15 dicembre ore 16.00, sarà possibile acquistare AC ESEMPI – Collezione privata di campagne marketing estremamente efficaci – all’interno del quale troverai un sacco di esempi reali da cui trarre spunto e ispirazione per realizzare le tue campagne di marketing.

Beh, per i primi 100 acquirenti soltanto, abbiamo deciso di mettere a disposizione un nuovo report omaggio “a sorpresa”.

Si tratta di un report “veloce”, che io utilizzo per trovare idee per scrivere email efficaci in vari settori. Si chiama “Come acquisire e curare i contatti con l’email marketing”, e faceva parte di un corso multimediale (Email Marketing Vincente) che non apriamo al pubblico da più di un anno!

Per averlo GRATIS ti basterà rientrare nei primi 100 acquirenti di una qualsiasi versione di AC Esempi (acquistando domani sarà senz’altro così).

3. Desideri acquistare un dominio e spendere meno di 10 dollari?

Io utilizzo Namecheap: www.namecheap.com

Comodissimo, anche perché ti permette di trasferire il tuo nome dominio in qualsiasi servizio di hosting.

Nel caso tu abbia dubbi su cosa sia un “hosting” e un “nome di dominio”, ecco una breve spiegazione.

L’HOSTING è lo spazio web dove carichi il tuo sito… l'”hard disk” dove metti i tuoi files diciamo, per farti capire meglio.

Invece il nome dominio è qualcosa tipo “giuliomarsala.com”, e non fa altro che spostare tutte le persone che lo scrivono nel browser verso il tuo spazio web (l’hard disk di cui ti parlavo prima).

4. Desideri caricare dei video su internet?

A parte il famosissimo YOUTUBE (che però ha diverse limitazioni, la peggiore il fatto che puoi inserire solo video da 10 minuti), io utilizzo VIDDLER.

Lo trovi qui: www.viddler.com

Anche qui c’è una versione gratuita e una a pagamento.
Io utilizzo quella a pagamento.

Spero che queste risorse ti siano utili.

P.S.

Ricorda che per vedere esempi di campagne marketing efficaci da cui trarre spunti (e vedere molti altri strumenti che noi utilizziamo in azione), ricorda domani, ore 16, l’apertura di AC Esempi (online per meno di una settimana, poi ritirato dal mercato).


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Leggi Tutto

2 miliardi di vendite con una lettera! (no, non sono io purtroppo! ;-)

Scritto da in AdWords | 0 commenti


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Ciao,

ho appena pubblicato un nuovo video che ti mostra un estratto spiegato e commentato di quello che è considerato uno dei capolavori del marketing degli ultimi 40 anni:

Si tratta della lettera di presentazione di un prodotto che è stata capace di generare… 2 miliardi di dollari in vendite (storia vera!)

Dacci un’occhiata cliccando qui perché credo possa darti parecchi spunti utili.

A presto
Giulio

PS: questa storia nasconde un imbarazzante retroscena…
Sembra che la lettera fosse copiata! Scoprilo tutto qui


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Leggi Tutto

La cura per l’insoddisfazione: fare il primo passo!

Scritto da in AdWords | 7 commenti


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Qualche tempo fa ho rivisto una persona che non vedevo da molti anni.

Ancora una volta mi ha parlato di quanto e’ scontento del suo lavoro, e di come invece si sentirebbe a suo agio a diffondere la sua idea (veramente bella tra l’altro).

Quando gli ho chiesto perché in tutti questi anni non l’aveva ancora fatto, le risposte sono state “le solite”.

“E’ rischioso”, “non so come si fa”, “non è un buon momento”, etc etc.

Allora gli ho chiesto: “ma hai mai analizzato a fondo il problema? Ti sei mai messo a tavolino a studiare davvero una soluzione concreta per cercare di capire SE DAVVERO puoi rendere reale la tua idea, se davvero le cose che ti bloccano sono reali o sono solo “voci” che hai sentito dire?”

La verità è che lui, come molti altri eterni “sognatori e scontenti”, si sentiva meglio a parlare di “come sarebbe se”, ma in realtà non aveva una reale intenzione di dare una vera possibilità a se stesso di cambiare le cose.

In molti fanno questa scelta: la maggior parte perché sono addirittura terrorizzati dalle “voci degli amici”, che sembra sempre sappiano in anticipo se la tua idea sarà valida o meno.

La verità è che spesso questi “amici” ti dicono così perché… si sentirebbero male a vederti con lo stile di vita che desideri, sapendo che loro non avranno mai il coraggio di farlo.

Beh, se hai un’idea, se pensi che potresti fare qualcosa di nuovo e vorresti approfondirne la fattibilità, se semplicemente stai cercando un nuovo business che ti faccia guadagnare di più e sia in linea con le tue passioni e punti di forza, ad un certo punto da qualche parte dovrai iniziare a concretizzarlo.

In qualche modo dovrai far uscire dalla testa la tua idea e trasformarla in qualcosa di reale: il modo migliore è iniziare a prendertene cura, investendoci tempo e denaro, facendo quindi un’azione concreta verso quella direzione.

Proprio oggi è l’ultimo giorno per acquistare “AC Startup“, l’ultimo corso multimediale di AcquisireClienti.com che ti permette di progettare e rendere più concreta la tua idea di business.

Dopo le 19.00 di oggi lunedì 30 novembre non ti sarà più possibile acquistaro.

Ti ricordo che AC Startup è studiato appositamente per permetterti di fare IL PRIMO PASSO CONCRETO verso la realizzazione della tua idea con il massimo della sicurezza possibile, spiegandoti come realizzare una attività in linea con i tuoi desideri, a partire dallo scegliere il modello di business più in linea con te, fino ad una progettazione efficace.

Infatti se progetti la tua idea (dall’inizio alla fine) in modo sistematico proprio come fanno gli imprenditori di successo, è molto più facile creare progetti che funzionano e danno grandi soddisfazioni economiche e di vita.

Ecco perché AC Startup è il corso ideale se stai per iniziare (o se hai L’IDEA di iniziare) qualcosa di nuovo, per strutturare il tutto fin da subito nel modo più efficace.

Se vuoi, puoi approfondire l’argomento leggendo adesso la lettera di presentazione. Sono le ultime ore per farlo.

In ogni caso ti auguro di darti l’opportunità di rendere concreta la tua idea, e di darle la giusta energia. Lasciarla “morire” per poi rimpiangerla per gli anni a venire, come è accaduto alla persona che ho incontrato, sarebbe davvero un peccato.

A presto!


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Leggi Tutto

Stai pensando di lanciare una tua nuova attività?

Scritto da in AdWords | 0 commenti


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Ciao, qualche giorno fa ho pubblicato un video interessante, in occasione del lancio di un corso multimediale sull’argomento “startup”.

Il video è gratuito, e puoi vederlo qui.

Parla dell’argomento “startup”: come rientrare nel 20% di imprenditori che vivono e prosperano oltre i 5 anni di vita aziendale (mentre l’80% chiude entro i primi 5 anni).

Qual’è il loro approccio? Cosa fanno di diverso dagli altri? Una serie di spunti utili li trovi proprio in questo video e in quelli successivi.

Da qui alla data del lancio del corso (il 24 novembre) infatti pubblicherò altri video, e questi verranno raccolti tutti nella pagine riservata al lancio.

Dopo la data del lancio però, verranno tutti ritirati.

Per questo se ti interessa l’argomento ti consiglio di dare un’occhiata subito.

A presto!


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Leggi Tutto

fare business con internet (6 modelli spiegati)

Scritto da in AdWords | 17 commenti


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Ciao,

questo video ti sarà particolarmente utile se hai un po’ di confusione su come utilizzare internet per generare denaro, o se stai semplicemente aspettando l’opportunità giusta per te (penso che oggi la troverai senz’altro tra le 6 proposte!).

In particolare vedrai diversi modelli in cui ho potuto avere esperienza o informazioni “dirette”, e ai quali assegno un mio personale “livello di difficoltà” (ovviamente è una mia stima personale basata sulla mia esperienza di imprenditore del web) e “possibilità di profitto”!

In più vedrai un modello “inedito”, che sono sicuro non conosci nemmeno se sei esperto!

Poiché il video è un vero e proprio “video training” (che potrebbe tranquillamente stare dentro un prodotto a pagamento, visto che dura quasi 45 minuti!), ho pensato a 3 opzioni diverse a seconda della fretta che hai e di quanto ti interessa l’argomento.

  1. Se hai MOLTA fretta (e ti interessa meno l’argomento) scarica le slide in PDF qui. Tieni conto che sono meno dettagliate del video, nel quale dico molte più cose.
  2. Oppure scarica l’mp3 qui. Questo è ideale da ascoltare in auto o dove vuoi, ho preparato il video perché tu non abbia bisogno di stare davanti al pc, si capisce tutto anche solo con l’mp3! Ovviamente perdi qualche dettaglio che puoi vedere solo a video.
  3. Infine, se l’argomento ti interessa molto e vuoi godere della massima esperienza possibile, puoi vedere il video direttamente da qui sotto.

Se hai domande sentiti libero di lasciare un commento.

P.S.
Sto preparando anche una specie di “guida” per scegliere il tuo modello di business in base al lifestyle che vuoi!

Vediamo se faccio in tempo a spedirti anche quella già questa settimana!

A presto!


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Leggi Tutto

infobusiness: fai oggi il primo passo (gratis)

Scritto da in AdWords | 0 commenti


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Ciao,

Un aggiornamento al volo: ho appena pubblicato un nuovo video gratuito che ti permette di fare oggi stesso il primo passo nella creazione della tua rendita automatica attraverso un infobusiness.

In pratica ti aiuta a scegliere l’idea giusta e usare gli strumenti che usiamo noi per verificare se è un’idea valida.

Il video lo trovi qui, ancora per qualche giorno.


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Leggi Tutto

Infobusiness: è veramente possibile guadagnare online in modo automatico? Ecco la mia esperienza personale…

Scritto da in AdWords | 2 commenti


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Se anche tu ti chiedi se è veramente possibile guadagnare online in modo automatico, in questo video trovi la risposta, basata sulla MIA esperienza personale (ciò che ho toccato con mano, non ciò che ho sentito dire!).

Ecco come la penso su 4 falsi miti (e 2 realtà!) sul modello di business più chiacchierato del web.

Guarda il video qui (rimane online solo per pochi giorni)


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Leggi Tutto

tasso di conversione: 4 leve per aumentarlo

Scritto da in AdWords | 0 commenti


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Ciao,

ti segnalo oggi un articolo sul blog AcquisireClienti.com, dove trovi un documento gratuito che ti spiega come aumentare vendite e profitti ottimizzando al massimo gli investimenti che stai già facendo (quindi senza investire un solo euro aggiuntivo in pubblicità).

Questo è possibile grazie a 4 leve che permettono di aumentare il tasso di conversione sulle tue pagine web, le stesse che io utilizzo per i miei business online.

Se anche tu, come me, odi “sprecare soldi” quando investi in pubblicità, allora leggi l’articolo qui (all’interno trovi il link per il download del report speciale).

A presto.


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Leggi Tutto

Upsell nel marketing: “buono” o “cattivo”? Ecco cosa ne pensano in USA (e come la penso io).

Scritto da in AdWords | 22 commenti


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


***** AGGIORNAMENTO DOPO HACKERAGGIO DEL SITO *****

Ciao,

"Mi sembrava di essermi fatto la barba prima della foto sul blog. Ehi… ma questo non sono io!"

- Questa e’ la foto che ho trovato AL POSTO DEL MIO BLOG (!!!) la mattina dell’attacco degli hacker talebani sul blog di Giulio Marsala. :)

Almeno ora il prossimo infinito controllo dei bagagli all’aeroporto mi peserà un po’ meno!

Se hai visitato questo link qualche ora fa (lunedì 17 agosto dalle 10 alle 17) ti sarai accorto che al posto del mio blog c’era uno slogan politico di qualche hacker iraniano.

Ovviamente mi dissocio in modo più assoluto da tutto questo (tra l’altro non l’ho nemmeno letto, ho visto questo faccione e ho detto: “ehi, non mi ricordavo di non essermi fatto la barba prima della foto nel blog! :)”)

Vedi l’immagine che c’era prima in questa foto a destra, dove ho OSCURATO il loro messaggio “promozionale” (va bene che la pubblicita’ e’ l’anima del commercio, ma slogan politici talebani sul mio sito proprio no!)

Ok, archiviata quest’esperienza, che bella o brutta che sia, è accaduta, ora è importante fare 3 cose:

1) Proteggere meglio il sistema informatico. Anzi, se è vero che anche le esperienze degli altri ci insegnano qualcosa, il “mea culpa” di oggi è… il mio wordpress non era aggiornato all’ultima versione! Ora lo è, nel caso anche il tuo NON lo fosse, aggiornalo subito, non si sa mai che i terroristi abbiano voglia di farsi un altro po’ di pubblicità

2) Ringraziare con tutto il cuore (e dico davvero) le decine e decine di persone che mi hanno segnalato il problema (a me e al mio staff) alla velocità della LUCE, scrivendomi… ovunque! Qui in USA nel momento in cui scrivo è mattina, ma appena ho acceso il PC (sulle coste della florida) praticamente lampeggiava TUTTO! (C’erano decine di nuovi messaggi in tutti i supporti, facebook, email, skype… un vero delirio!).
Beh non l’ha “ordinato il dottore” a nessuno di avvisarmi, per cui… di nuovo grazie!

3) Sotto riporto l’articolo originale, quello che doveva esserci “al posto” dello slogan iraniano. Per la serie: “i terroristi non ci fermeranno” :)

***** FINE AGGIORNAMENTO *****

Ciao,

Qualche settimana fa sono partito per gli stati uniti per partecipare ad un seminario di marketing avanzato di Dan Kennedy, insieme a Marco De Veglia.

Io e Marco De Veglia sul BIELICA che ci ha portato al seminario! Non che desse una gran impressione di sicurezza :)

Volevo aggiornarti sul mio “viaggio di lavoro”, ma anche fare una considerazione sulla differente cultura di marketing che esiste là, dove “tutto è nato” (dal punto di vista del marketing moderno s’intende).

Penso che se anche tu sei un imprenditore che ha capito l’importanza del marketing e intendi usarlo per aumentare i tuoi profitti, almeno una volta nella vita devi provare l’esperienza di partecipare ad un evento di questo tipo: si conoscono persone veramente interessanti, ma soprattutto entri in contatto con la cultura anglosassone, a volte totalmente differente da quella latina!

Che l’America sia la “culla” del marketing si vede in ogni angolo.

A partire dalla procedura di checkin degli aeroporti americani.

Per capirsi: in Italia fai vedere il passaporto per far capire chi sei.

In USA invece ti chiedono… la carta di credito!

Non scherzo! Te la fanno strisciare per “riconoscerti” :) (fantastici!).

Dopodiché “CASUALMENTE” :D a metà processo ti propongo due o tre opzioni aggiuntive A PAGAMENTO (=upsell) del tipo “vuoi più spazio rispetto agli altri? Sono 15 dollari in più!”

E a quel punto non devi nemmno tirarla fuori la carta, l’hanno già memorizzata!

SI chiama: “one click upsell”, e ora è in voga anche nei prodotti di marketing USA (e io spesso e volentieri lo utilizzo!).

Eccomi insieme a Perry Marshall, il guru americano di AdWords (e uno dei miei primi mentori). Marshall, Marsala… sembra fatto apposta!

Perché in Italia si vede poco? Forse non funziona? Dai miei test sui miei business sembra che funzioni: fa vendere di più ma… meno che rispetto agli Stati Uniti.

Il fatto è che la cultura lì è totalmente diversa: è “naturale” acquistare, è naturale vendere, è percepito come un valore aggiunto saper offrire più servizi al consumatore (sempre a pagamento) oltre a quelli che ha già acquistato, per fargli “completare l’esperienza”.

In Italia a volte ci “offendiamo” quando qualcuno ci offre delle personalizzazioni di prodotti o servizi con un prezzo aggiuntivo oltre a quello pagato.

In USA sono felici, e ci scherzano sopra, “riconoscendo” il processo di upsell, e valutando il prodotto proposto senza pregiudizi.

E’ giusto? E’ sbagliato?

Non saprei, a me è una cosa che fa piacere quando “la ricevo” (ovvero quando tentano di vendermi qualcosa in più oltre a quanto ho già acquistato, è un’opzione in più che mi danno).

Tu che ne pensi?

Io spesso acquisto, se è una cosa che mi interessa.

Perché alla fine il concetto è: ho pagato meno il prodotto “base” (nel caso della compagnia aerea il viaggio in aereo), perché mi hanno tolto il prezzo del servizio aggiuntivo, in quanto non tutti lo vogliono.

Ora loro me lo propongono: mi fa piacere riceverlo, e se mi interessa, lo prendo.

Questa è il loro modo di vedere le cose (e anche il mio).

Io in tutti i miei business online ho scelto di comportarmi in modo anglosassone e ancora una volta i risultati danno ragione a questo sistema, anche in Italia. Tuttavia a volte ricevo delle “lamentele”, come se dare questa scelta in più fosse “fastidioso”. Ancora una volta: questione di cultura.

In ogni caso se sei un imprenditore e usi il marketing per vendere, il consiglio è di non essere “timido”.

Se ha senso, proponi materiale aggiuntivo dopo la prima vendita!

In realtà hai reso due servizi: il primo quando hai fatto pagare il minor prezzo possibile nella prima vendita.

Il secondo quando hai dato la possibilità a chi vuole di avere una sezione aggiuntiva.

Ho chiesto a Dan: “Dan, 1 domanda e una foto”. E lui: “c’è tempo per una cosa sola: scegli tu”. Sarà per la sua simpatia che lo chiamamano “il cowboy del marketing americano” :) (ah, ovviamente poi da buoni italiani siamo riusciti ad ottenere entrambe le cose)

E ora chiudo con una storia interessante per farti capire ancora meglio come in USA vedono le cose: quel “volpone” (in senso buono) di Dan Kennedy prima del seminario aveva giurato e spergiurato che non avrebbe venduto nulla durante il seminario.

Io ho pensato: “mah, staremo a vedere”.

Beh, il secondo giorno ha detto: “cari signori, siccome so per certo che NESSUNO di voi ha creduto a quanto io ho detto nella lettera di presentazine del seminario… ECCO QUA LE MIE OFFERTE DI OGGI”.

Beh, in Italia mi immagino che molti avrebbero storto il naso di fronte ad una cosa del genere.

Invece la sala al seminario è scoppiata a ridere, e Dan ha tirato su qualche decina di migliaia di dollari in pochi minuti di UpSell :)

Beh, che dire, funzionare funziona!

Tanto che ho deciso di “sfidare il sistema”. Si, mi metto a fare una prova su di me, da imprenditore che conosce gli strumenti di marketing, voglio provare a “resistere” consciamente, e non acquistare NULLA DI PIU’ di quello che avevo in mente, non farmi tentare da nessun “upsell”, e cercare di spendere il meno possibile per un pranzo completo “esagerato” (all’americana).

Il settore food (cibo) mi sembra un buon banco di test, perché ci sono offerte che sembrano insostenibili per gli imprenditori che le propongono e invece le sento continuamente alla radio, e voglio vedere come le gestiscono. Di sicuro faranno di tutto per alzare il “profitto medio” per cliente.
Ce la faranno con me? Ti faccio sapere la prox settimana!

A presto!

P.S.
A parte tutto, al seminario abbiamo trovato nuove strategie per aumentare le conversioni delle pagine web! Nicola ha già fatto dei test, e sembra che ci sia molto materiale interessante!

A settembre vedremo di creare un prodotto apposito focalizzato su questo. A presto!

<table width=”164″ border=”0″ align=”right” cellpadding=”5″ cellspacing=”5″>
<tr>
<td width=”152″><img src=”http://www.giuliomarsala.com/images/nobodycoder2.jpg” width=”250″ /></td>
</tr>
<tr>
<td><p><font color=”#999999″ size=”-1″>&quot;Mi sembrava di essermi fatto la barba prima della foto sul blog. Ehi… ma questo non sono io!&quot; </font></p>
<p><font color=”#999999″ size=”-1″>- Questa pagina ho trovato sul mio blog la mattina dell’attacco degli hacker talebani sul blog di Giulio Marsala. :) </font></p>
<p><font color=”#999999″ size=”-1″>Almeno ora il prossimo infinito controllo dei bagagli all’aeroporto mi peserà un po’ meno!</font></p></td>
</tr>
</table>

*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Leggi Tutto
(C) GOOD MARKETING SYSTEMS LTD
PRIVACY, COPYRIGHT E TIPO DI LICENZA CREATIVE COMMONS