Conversazioni di Web Marketing a Venezia: Video Intervista di Giulio Marsala e Nicola Fiabane. Parte 4: Google fa pagare 8 euro a click?

Scritto da in AdWords, Conversazioni di Web Marketing, Punteggio di Qualità, Video Intervista | 6 commenti


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Il problema è sentito da molti: a te è mai capitato di veder lievitare il costo per click delle tue parole chiave fino a valori altissimi, nonostante un annuncio apparentemente pertinente e un buon CTR?

Ovviamente non puoi lasciare che Google faccia ciò che vuole con il costo per click, altrimenti sei costretto ad abbandonare il business :(

Ecco cosa fare quando incontri questi problemi, e come puoi risolverli:


1.4 Come ridurre i costi Google AdWords?

Questa storia mi fa venire in mente cosa mi è successo la settimana scorsa con un cliente.
Campo telefonia, parola chiave Wind.

Il sito si chiamava Wind-Point.

Nonostante la parola Wind-Point fosse presente ovunque, Google riteneva "wind" non pertinente al sito wind-point (e stiamo parlando del motore di ricerca più "intelligente" del mondo!!! :D)

Per risolvere il problema abbiamo dovuto inserire la parola "wind" e "wind – point" (invece di "wind-point") nel sito.

Nel caso specifico poi c’erano altre aree di intervento da fare per risolvere definitivamente il problema, ma questo è un esempio abbastanza classico di problema di quality score.

E il cliente dice: "ma il mio sito è pertinente"!
Si, vallo a spiegare all’algoritmo di Google :)

Ecco alcune idee rapide di pronto intervento in questi casi:

Idee rapide di pronto intervento:

  1. Inserisci la parola chiave esatta all’inizio della landing page. Inseriscila più volte e scrivila esattamente allo stesso modo di com’è quella su cui fai la tua puntata, rispettando il singolare/plurale e anche eventuali segni speciali come "-" o "_".
  2. Crea un gruppo di annunci per ogni parola chiave che ti dà problemi, e inserisci la parola chiave su cui punti all’interno dell’annuncio (meglio se nel titolo).
  3. Per far ricalcolare a Google il nuovo costo della parola ricrea un nuovo gruppo di annunci con i nuovi suggerimenti e la stessa parola chiave (mettendola in pausa nel gruppo "vecchio") e scopri come il costo per click tornerà alla normalità.
  4. Se il problema dovesse ripresentarsi, probabilmente dovrai ripetere il punto 1 o aumentare il ctr dei tuoi annunci (magari con uno split test).

A presto!


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Leggi Tutto

Punteggio di Qualità AdWords: Ecco la nuova variabile “Tempo di Caricamento della pagina”

Scritto da in AdWords, Google AdWords, Google AdWords Professional, Punteggio di Qualità | 1 commento


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Qualche giorno fa uno dei miei studenti, Francesco Tinti (che tra l’altro mi dà moltissima soddisfazione visti i suoi lavori di alta qualità) mi ha segnalato una interessante aggiunta nella già complicatissima formula del punteggio di qualità di Google, che sarà attiva entro qualche mese.

Per chi non lo sapesse (ma se mi segui dovresti saperlo) il punteggio di qualità o quality score è quell’algoritmo che controlla il "Sistema Parola Chiave" (ovvero principalmente Annuncio + Landing Page + Sito Web) e in base a quello determina in larga parte il prezzo minimo della parola chiave, e in minima parte il posizionamento dell’annuncio a parità di costo.

L’annuncio dell’ultimo periodo è che un nuovo elemento nel calcolo del punteggio di qualità sarà il tempo di caricamento della pagina.

In particolare ci sarà dato un nuovo tool che assegnerà un punteggio di "velocità" (sembra da 1 a 2) per farci capire se la pagina carica ad una velocità normale o ridotta rispetto alla media (media decisa da Google).

Inoltre ci verrà fornita l’informazione del numero di redirect che il nostro annuncio deve fare per arrivare alla pagina di destinazione, in modo eventualmente da ridurli nel caso il caricamento sia troppo lento.

Cosa comporterà questo per gli inserzionisti?
A mio avviso per il 99% degli inserzionisti, nessun cambiamento (né nel marketing, né nell’ottimizzazione della campagna).

Tuttavia è un sintomo di come Google cerchi sempre un’ottimizzazione estrema del suo algoritmo di qualità, visto che ultimamente gli aggiornamenti sono frequentissimi (nell’ordine di quasi uno al mese).

Se capisci l’inglese puoi saperne di più qui.


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Leggi Tutto
(C) GOOD MARKETING SYSTEMS LTD
PRIVACY, COPYRIGHT E TIPO DI LICENZA CREATIVE COMMONS