*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


Nota: questo articolo lo scrivo perché ho promesso di promuovere un libro ad un amico (nota: di questo libro sono anche coautore, ma inizialmente non era previsto che ne parlassi con nome “Giulio”, ma solo attraverso il nick).

E nel farlo, già che ci sono, voglio condividere con te alcuni dettagli della “storia” che c’è dietro.

Pochi sanno che di recente mi sono occupato del marketing del lancio di un nuovo libro cartaceo, usando Internet.

Il libro in oggetto è “il Potere del Cervello Quantico“, di Italo Pentimalli e J.L. Marshall (libro che, tra l’altro, consiglio caldamente, ma sono spudoratamente di parte ovviamente, dunque ascoltami a tuo rischio e pericolo ).

In questo caso l’esperienza è stata molto stimolante: perché ho avuto modo di curare un po’ tutti gli aspetti importanti non solo del lancio, ma soprattutto della strategia nella costruzione del libro in ottica “marketing e vendite”.

Risultato?

Il libro è diventato Best Seller il PRIMO GIORNO di lancio (vendendo in una sola libreria online, macrolibrarsi, più di 1.500 copie). Poiché non ho numeri esatti delle altre librerie, non li comunico.

Ecco il banner sul sito della libreria:

Libro Record: 1500 copie il giorno del lancio

Nota bene: parlo di copie VENDUTE, non “stampate” (c’è spesso nell’editoria questo grande equivoco). Qui parliamo di vendite (personalmente il “venduto” è l’unica cosa che mi interessa al di là delle dichiarazioni roboanti di certi editori).

Ah, e come effetto “collaterale” è naturalmente diventato primo nel venduto della libreria in oggetto, MacroLibrarsi.

Primo in Classifica su Macro Librarsi

La cosa particolare di questo lancio è che sapevo fin da subito che sarebbe andato molto bene. Infatti questo è il classico caso di “successo non a caso” (scusate il gioco di parole).

Infatti TUTTO in questo libro, a livello di comunicazione, era già stato studiato PRIMA del lancio.

Abbiamo usato una metodologia molto particolare e inedita che, credo (ovviamente non posso averne la certezza, ma ne ho un forte sentore), mi permetterebbe di promuovere qualsiasi libro (quantomeno del mondo “how to”) e ottenere risultati simili.

Diciamo così: con un po’ di fortuna credo di aver codificato molti degli aspetti che rendono un libro un best seller per quanto riguarda l’inizio di una pubblicazione.

Il rovescio della medaglia? Non è una strategie per “tutte le tasche”, né per tutti gli autori. Forse è “per tutti gli editori”, ma sono necessari investimenti a vari livelli.

In più è una strategia “ad alta intensità di lavoro”: molto distante dalle “promesse americane” che si vedono nel settore del tipo “auto pilot” e simili.

E infine (e questo non è da sottovalutare) richiede MESI di preparazione “dietro le quinte”.

Certo non le classiche caratteristiche da “silver bullet” (per chi sa di cosa parlo).

Tuttavia di buono ha che funziona (quando si trova qualcosa che funziona è sempre positivo).

C’è poi una distinzione da fare: se creare un best seller al lancio oggi è, per me, è più o meno chiaro, non posso dire la stessa cosa di come funziona creare un “long seller”.

Per chi non lo sapesse la differenza tra best seller e long seller è che il “best seller” raggiunge un numero assoluto di copie (ormai, per come è messo il mondo dell’editoria dove l’80% dei libri NON supera le 500 copie vendute, tale numero è piuttosto basso).

Invece il “long seller” è un libro che “vende da solo”, nei mesi successivi.

In un altra vita di sicuro, non so se già in questa, voglio proprio occuparmi di questa cosa affascinante: cosa rende un libro un “long seller”?

Per la verità qualche idea me la sono fatta. Ai tempi infatti del lancio di “The Secret“, l’editore (Macro) mi contattò per chiedermi se potevo aiutarlo a vendere ALMENO 200.000 copie di quel libro.

Il caso “the secret” era all’inizio allora, poi sarebbe diventato un successo nazionale senza precedenti in quella nicchia di mercato.

In quel periodo iniziai uno studio sul CONTENUTO del libro e sul MARKETING del libro (studio che in parte è finito nel Potere del Cervello Quantico).

Poi, nel caso di The Secret, a parte dare qualche consiglio (poi usato, a quanto pare, dall’editore), non seguii il lancio personalmente. Diedi solo “qualche dritta” in amicizia, in quanto non trovammo l’accordo economico (ma l’editore è una persona veramente intelligente e in gamba, e se l’è cavata benissimo da solo).

Fa sorridere pensare che poi The Secret abbia venduto BEN PIU’ di 200.000 copie in Italia. Io dico sempre: chissà cosa sarebbe successo se avessi potuto metterci le mani fino in fondo. Purtroppo rimarrò con il dubbio :-)

Comunque, rientrando dalla mia digressione, se la creazione di un best seller in fase di lancio è più o meno chiara, la cosa non così chiara è creare un “long seller” (come The Secret) appunto.

Per la verità dall’esperienza dell’analisi di The Secret qualcosa ho capito: e alcuni esperimenti sono inseriti nel Potere del Cervello Quantico (per chi avrà gli occhi per vedere).

Tuttavia in questo momento in cui scrivo non so ancora se “il Potere del Cervello Quantico” sia diventato o meno un Long Seller. Questo lo dirà il tempo (e vediamo se aggiornerò questo articolo oppure no, visto che il blog ormai non lo uso da mesi e mesi).

Di sicuro c’è una cosa: NON TUTTE le caratteristiche che avrei inserito in un long seller sono state rispettate nel Potere del Cervello Quantico. Ma qualcuna, anche importante, C’E’.

Sono curioso (almeno quanto te!) di sapere se farà la differenza.

Ok, a questo punto in buon articolo di marketing dovrei inserire un richiamo all’azione e un qualche contenuto utile.

Del tipo dovrei svelare qualche tecnica utilizzata.

La brutta notizia è che non ho intenzione di svelare i dettagli di questo lancio, almeno non ora. E no, non è previsto un corso sull’argomento.

Il motivo? E’ un po’ di tempo che non faccio più consulenza “operativa” a terzi (massimo le “giornate di consulenza”), salvo pochi amici storici con i quali ho rapporti da ormai diverso tempo.

Posso darti però 1 solo consiglio, nel caso tu stia pensando di costruire il tuo “best seller”, dal punto di vista della comunicazione

E il consiglio è questo: lanciare un best seller è simile a lanciare un prodotto.

Dunque UNA chiave (non l’unica, forse non la più importante) del successo è l’abilità (anche economicamente parlando) di creare partnership. Molto banalmente: per creare partnership devi essere in grado di “dare qualcosa in cambio”.

Dunque se vuoi creare un best seller, la prima cosa da fare è imparare a “negoziare”. Puoi farlo in vari modi: scambiando soldi, visibilità, lavoro, e molto altro.

Questa è l’unica strategia “pubblica” che mi sento di condividere (anche perché l’avevo già usata nel lancio dell’altro libro cartaceo con Internet).

Per il resto (e qui rispetterò la regola del richiamo all’azione), posso dirti questo.

Acquista questo libro.

Al di là dei contenuti (che comunque valgono la pena, ma, come sai, SONO DI PARTE), se lo leggerai con occhi di marketing troverai alcune cose interessanti.

Puoi acquistare il libro da qui


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***