*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***


L’ultima volta ti ho raccontato alcune riflessioni sul mercato dell’informazione in Italia (vendita di infoprodotti, consulenza, coaching, seminari e così via).

Era l’articolo sull’USP di nuova concezione, quello che funziona meglio in questo particolare mercato.

Quello di cui ti parlo oggi è molto legato a quell’argomento.

Cosa manca ai formatori, consulenti e coach davvero competenti

Devi sapere che non più tardi di una settimana fa ho aiutato un amico a progettare il suo business di consulenza / coaching / info prodotti su Internet.

Questa è una attività che oggi faccio solo con pochi amici fidati (e clienti più importanti), ma ogni volta che lo faccio mi rendo conto di una cosa: la maggior parte dei coach, consulenti e formatori…

… sono soprattutto dei bravi COACH, CONSULENTI e FORMATORI.

E tu dirai: meglio così no?

No.

Perché a queste particolari figure (non includo qui il consulente marketing) spesso manca il PROGETTO

Manca COSA devono fare e in che ORDINE

Manca COSA conta davvero e COSA SEMBRA importante, ma alla fine non lo è.

Nel caso del mio amico, ha la fortuna di essere in una delle pochissime nicchie che io vedo MOLTO MOLTO bene per i prossimi 5 anni.

Una nicchia dove il pubblico spende, dove c’è poca concorrenza. dove la fascia demografica è “in trend”, e dove la gente compra in modo ricorrente.

Una nicchia dove, tra l’altro, la competenza non la acquisisci copiando “ebook”, ma con DURO lavoro e ANNI di formazione (altro che “guadagna 500 euro al giorno con questo sistema di affiliazioni a casinò”).

Qual è la nicchia?

Non lo dirò mai :-) (sennò avrò un amico in meno da domani).

Ma a parte questo, il mio amico/cliente è veramente in gamba su quello che è il “prodotto” e il servizio che vuole fare.

Ma per fare partire questo business non aveva chiaro qualcosa come decine e decine di passaggi.

Invece di pensare a ciò che conta davvero, era bloccato da faccende “futili” come: “dove metto il box per la newsletter, a destra o a sinistra?”.

Con pazienza (una delle cose di cui sono MENO dotato), sorrido e gli dico:

“non ti preoccupare. Pensiamo ad altro. Pensiamo alle cose importanti.”

“si, mi fa lui. Ma cos’è veramente importante?”

Cosa è davvero importante quando progetti un business su Internet?

E qui si è aperto un mondo.

Cos’è veramente importante quando progetti il tuo business, o lo rendi “strutturato” per il mondo Internet?

Mi rendo conto che la maggior parte dei coach /formatori /consulenti ONESTI (cioè quelli che non vendono fuffa scopiazzata, ma cose di valore) non lo sanno.

Perché i più bravi formatori fanno fatica su Internet.

Perché?

Perché sono troppo occupati a specializzarsi nel loro lavoro (consulenti / coach) per occupare le loro giornate a studiare “l’ultimo trucco di marketing”.

E spesso, per questo motivo, vengono “battuti” (a livello di numero clienti e fatturati) dall’internet marketer della porta accanto.

Per “internet marketer della porta accanto” intendo quello che ha 5 profili facebook diversi, in uno è una donna con le emorroidi, in uno un personal trainier delle star che svela i suoi segreti e così via.

Insomma: quel profilo che ha comprato il prodotto a marchio privato in usa e l’ha tradotto su fiver a 5 dollari :-)

E’ giusto che sia così?

Che sia giusto o no, questo è quello che succede.

Anche per questo mi sono ripromesso che in uno dei prossimi articoli ti scriverò quali sono alcuni degli aspetti su cui devi concentrarti quando stai facendo partire (o meglio ancora: stai ristrutturando) la tua attività di formazione / consulenza /coaching online.

Nel frattempo però vorrei capire questo.

Anche tu hai il problema che aveva il mio amico?

Anche tu pensi di non avere chiaro quali sono le cose su cui focalizzarti per creare un business di successo?


*** Nota di servizio questo blog non è più in uso. Il nuovo blog è J.L.Marshall.it ***